Quali sono le fasi di lavoro ed i dimensionamenti principali delle Travi PREM?

Le travi PREM  sono soggette tipicamente a tre differenti fasi operative (cfr Raccomandazioni Assoprem-CIS-E):

  • La fase 0 ha inizio con la realizzazione in stabilimento e termina con la posa in opera in cantiere (fase transitoria di sollevamento, trasporto e montaggio); la fase 0 è transitoria;
  • la fase 1 (o prima fase) ha inizio con la trave posata in opera e comprende il getto, sulla porzione di impalcato ad essa afferente, del calcestruzzo di completamento, fino al momento in cui questo raggiunga la resistenza di progetto prefissata per l’inizio della fase 2; anche la fase 1 è transitoria;
  • la fase 2 (o seconda fase), successiva alla fase 1, comprende tutta la vita operativa dell’organismo strutturale nel quale la trave PREM è inserita (fase di esercizio).

Le travi PREM senza fondello (a0 e b0) possono essere posate sopra lastre prefabbricate fondo-cassero o in alternativa casserate inferiormente per formare con il solaio (generalmente ma non in maniera vincolante) un impalcato perfettamente piano. Le travi PREM  con fondello prefabbricato (a1, a2 eb2) ben si abbinano con tutti i tipi di solaio ed in particolare con le lastre predalles e pannelli alveolari e possono essere autoportanti o puntellate nella fase di montaggio in opera e getto con calcestruzzo.

Inoltre possono essere calcolate con schema statico di travi in continuità oppure in semplice appoggio.

Dopo la posa in opera della trave, del solaio e delle armature integrative il comportamento del manufatto prefabbricato è ancora connesso alla isostaticità dello schema statico. È solo dopo la maturazione del getto di completamento con conglomerato cementizio che si assiste alla trasformazione strutturale contrassegnata dalla iperstaticità dei collegamenti trave-pilastro e trave-solaio.

Ciascuna trave PREM viene progettata di volta in volta per soddisfare le condizioni di progetto in funzione del tipo di solaio adottato, dei carichi agenti, delle geometrie richieste. Questo sistema produttivo gode di molti dei vantaggi offerti dalla prefabbricazione e dalla ripetitività produttiva, ma di fatto ogni manufatto è sottoposto ad una specifica progettazione dei propri singoli elementi costitutivi.