I Programmi di Calcolo strutturale con Travi PREM

La prima Software House a firmare il "Protocollo Assoprem" fu la 2si di Ferrara che presentò, in prima assoluta al SAIE del 2010, il primo modellatore in Italia che gestiva le Travi PREM come elemento "nativo", alla stessa stregua cioè del c.a. o dell'acciaio: il PRO-SAP.

In seguito la 2si ha condensato in un videotutorial il corso per la gestione delle Travi PREM col PRO-SAP e lo ha reso disponibile sul proprio sito dal 2014 rendendosi anche disponibile a farne delle versioni personalizzate con i marchi dei propri partner commerciali.

Successivamente aderirono al protocollo altre Software House, come la STACEC di Reggio Calabria, la Concrete di Padova e la Tecnisoft di Prato ma ben presto le "Specifiche Assoprem" ed il "Formato di interfaccia Assoprem" diventarono uno standard e molte software house li hanno adottati autonomamente per rendere disponibile ai propri clienti la gestione delle Travi PREM.

I modellatori che gestiscono le travi PREM, poi, forniscono ai nodi i momenti ed i tagli che scontano le due fasi di vita delle Travi PREM per cui la verifica dei nodi e delle Travi PREM a flessione all'appoggio, con la relativa gestione della gerarchia delle resistenze, viene automaticamente eseguita dai post processor delle travi in c.a..

La calcolazione del traliccio, invece, che deve gestire la combinazione di una prima fase solo metallica e di una seconda fase mista, viene ancora gestita prevalentemente dai software proprietari dei produttori di Travi PREM secondo i principi, le considerazioni e gli algoritmi riportati nella sezione "Progettazione Strutturale" di questo sito.

 

Allegati: